Home Su Sommario

      

Contaminazione Analisi Oli Filtrazione Disidratazione Termografia Failure Rate Puliz. Scamb. Separaz. Centrif. Lubro. e liqu. lav. Depurazione Oli Pulizia gasolio Biodiesel

 

 

Su

Pulizia degli scambiatori di calore e servizio di ricondizionamento piastre

Vantaggi principali

  • Evitare che a causa della corrosione dovuta allo sporcamento si possano formare fori o tagli nelle piastre che permettono ai due fluidi presenti nello scambiatore di mescolarsi.

  • Evitare che lo sporcamento riduca la capacità di scambio del circuito con la conseguenza che le temperature di uscita non corrispondano più a quelle di progetto.

  • Evitare l'aumento della perdita di carico dovute allo sporcamento o alla presenza di impurità arrivate nello scambiatore dalle tubazioni.

 
 
Descrizione componenti principali

NOTA ! Le illustrazioni che seguono fanno unicamente riferimento agli scambiatori di calore a piastre ispezionabili. Per gli scambiatori di calore a piastre saldobrasate non è possibile intervenire con operazioni di pulizia manuali.

 

 

 

 
 
Funzione

Lo scambiatore di calore a piastre è costituito da un gruppo di piastre metalliche ondulate con fori per il passaggio dei due fluidi tra i quali avviene il trasferimento di calore.

Il gruppo di piastre è installato tra una piastra del telaio ed una piastra di pressione e compresso dai bulloni di fissaggio. Le piastre sono dotate di una guarnizione che mette a tenuta il canale e dirige i fluidi in canali alternati. L’ondulazione delle piastre favorisce la turbolenza dei fluidi ed evita che le piastre siano soggetta a differenze di pressione.

 

 

Cleaning In Place (CIP)

Alfa Laval CIP - 75

 

Il gruppo Cleaning In Place (CIP) consente di pulire lo scambiatore di calore a piastre senza aprirlo.

Qualora la pulizia CIP non sia possibile, il sistema deve essere pulito manualmente, (che naturalmente siamo in grado di eseguire con l'esecuzione di procedure operative proprietarie).

Il gruppo CIP effettua la:

  • rimozione della fuliggine e dei depositi di calcare;

  • passivazione delle superfici pulite per ridurre la sensibilità alla corrosione;

  • neutralizzazione dei detergenti prima dello spurgo.

 

 

Descrizione pulizia
 

Prima di svolgere qualsiasi operazione di pulizia i tecnici della LubeTeam Hydraulic S.r.l. verificano alcuni punti:

  • Determinazione del tipo di sporcamento per la scelta dell’appropriato detergente da utilizzare.

  • Valutazione del grado di intasamento dello scambiatore.

  • Dal punti di vista “ambientale” verificare le possibilità di trattamento e scarico dei detergenti usati.

  • Valutare dimensioni, numero di scambiatori per la scelta dell’unità di lavaggio;

  • Verifica della presenza di appropriati raccordi filettati.

 

Connessioni dello scambiatore di calore con il modulo CIP - 75

 

Il CIP è una procedura di pulizia preventiva basata sulla lenta circolazione di un appropriato detergente (preferibilmente riscaldato a 60 °C) attraverso lo scambiatore di calore.

La procedura può essere generalizzata nel modo seguente:

  • Drenare lo scambiatore chiudendo le valvole di intercettazione posto sul circuito da pulire;

  • Risciacquare con acqua fresca;

  • Collegare il CIP come indicato nella figura precedente;

  • Iniziare a far circolare dell’acqua riscaldandola possibilmente a 60 °C, facendola entrare dalla connessione bassa dello scambiatore;

  • Dopo aver verificato che non ci siano perdite, aggiungere l’appropriato detergente nel dosaggio raccomandato;

  • Lasciate circolare la soluzione per 3 – 4 ore (nel caso di carbonati la formazione di gas indica un effettiva azione di pulizia);

  • Verificare periodicamente il pH della soluzione

  • Arrestare il processo di lavaggio ed effettuare il drenaggio dello soluzione;

  • Dove necessario, effettuare la passivazione delle superfici con appropriato passivante (Alfa Pass);

  • Risciacquare abbondantemente con acqua fresca;

Durante le prime tre o quattro ore dopo l’effettuazione del lavaggio CIP, si raccomanda di usare la portata massima del fluido.

Vedi il video sulle operazioni di manutenzione dei DRY COOLER

Leggi la procedura sulle operazioni di manutenzione dei DRY COOLER

 

Liquidi di pulizia utilizzati
 

Detergente

Descrizione

Alfa Caus

Potente detergente liquido alcalino. È particolarmente efficace per rimuovere vernici, grassi, olio e depositi biologici dalla piastre degli scambiatori e dall’impianto. È fornito in fustini in plastica da 25 litri. Il prodotto essendo concentrato va diluito secondo la scheda per la preparazione miscele.

Alfa Phos

Detergente liquido a base acida. È particolarmente efficace per rimuovere ossidi metallici, ruggine, limo, calcare, carbonati e altri depositi inorganici. È fornito in fustini in plastica da 25 litri. Il prodotto essendo concentrato va diluito secondo la scheda per la preparazione miscele. Il grado di concentrazione varia in funzione del tipo e quantità di deposito. Dopo la pulizia, usare Alfa Pass per la passivazione delle superfici metalliche.

Alfa Pass

Liquido alcalino. La sua funzione è quella di inibire la corrosione delle superfici metalliche dopo la pulizia con detergenti acidi (Alfa Phos). È fornito in fustini in plastica da 25 litri. Il prodotto essendo concentrato va diluito secondo la scheda per la preparazione miscele.

Alfa Neutra

Liquido alcalino forte. La sua funzione è quella di neutralizzare i liquidi detergenti tra pH 6,5 e 9 prima dello scarico nel sistema di evacuazione.

 

 
 
La riproduzione non preventivamente autorizzata dalla Lubeteam Hydraulic s.r.l., di tutto o in parte del contenuto di questa presentazione costituisce reato, penalmente perseguibile ai sensi dell’articolo 171 della legge 22 aprile 1941, numero 633.
Ultimo aggiornamento: 11-06-13

Home Qualità & Sicurezza Prodotti Servizi Case History Pubblicazioni Codice Etico News Contatti Cataloghi Mappa del Sito